La Scuola al tempo del Covid19 - Movimento NOI - Pagina Bianca
La Scuola al tempo del Covid19

Lettera aperta da parte del neo delegato alla Scuola del Movimento NOI Ing. Roberto Perri che va a rinforzare il Dipartimento che vedeva già presente Fedele Serpe. Inutile negare ancora che la questione “Scuola” in tempo di Covid 19 è stata gestita malissimo dal Governo. Il caso dei banchi con le rotelle costata decine di milioni di Euro di fondi pubblici per poi, una volta arrivati i banchi vedere chiudere le scuole per mesi, la dice tutta anche sull’incapacità di governare e sulla mancanza di buon senso.

E proprio di buon senso è colma la lettera che il Movimento NOI “Scuola” trasmette alle preposte istituzioni del Governo regionale e territoriale. Ascolteranno? Non lo sappiamo ma per il Movimento NOI è importante essere collaborativi e dalla parte del bene comune.

Al Presidente f.f. Regione Calabria
All’Assessore all’Istruzione Regione Calabria
Al  Sindaco di Cosenza
All’Assessore all’Istruzione del Comune di Cosenza
Ai Presidi
Ai D.S.

In vista della imminente riapertura della scuola il 7 gennaio c.m. non riteniamo opportuno, a valle dei bollettini epidemiologici e della crescita dell’ indice RT, la riapertura della scuola di ogni ordine e grado e di proseguire, pertanto, con la didattica a distanza che sta dando ottimi risultati, in vista anche di un traguardo così importante come il vaccino, cercando così di tutelare più vite possibili contro questo virus potenzialmente mortale.

Per riaprire le scuole in sicurezza bisognava assumere alcune elementari misure :

– abolire  le classi pollaio;
– prevedere sistemi di aerazione nelle classi;
– prevedere postazioni mediche nelle scuole;
– potenziare le reti tecnologiche;
– distribuire tamponi rapidi;
– dotare il personale di efficaci dispositivi di protezione individuale (almeno mascherine ffp2);
– rafforzare i trasporti pubblici in modo da garantire l’occupazione massima del 50%;
– vaccinare (su base volontaria) prioritariamente Docenti e personale ATA.

Praticamente le classi alla riapertura del 7 Gennaio 2021, saranno uguali a quelle del 7 gennaio del 2020.

Da più parti si invita alla prudenza, a partire da eminenti virologi che attribuiscono alle scuole un ruolo determinante nella trasmissione del virus anche per via della variante inglese del virus che si dimostra essere più velocemente trasmissibile tra i giovani. Veneto, Puglia, Lazio, Sicilia per bocca dei governatori o dei responsabili di Scuola, e Sanità, manifestano prudenza  chiedono di monitorare ancora la situazione.

All’estero Paesi come Germania e Gran Bretagna hanno deciso di spostare la riapertura delle scuole. La Germania, da sempre a favore delle scuole aperte, stavolta manifesta enorme prudenza e le chiude per tutto gennaio. Neppure all’interno del CTS emerge unanimità ed etichettano la decisione come “politica”.

Il problema della riapertura delle scuole è diventato un problema “politico” e di principio, un vessillo da sventolare come strumento di vittoria, una “vittoria” che dimentica che il diritto alla salute  viene prima di qualsiasi altro diritto e che la didattica a distanza per un altro mese di certo non creerà vittime.

Nel frattempo a farne le spese saranno:

Il Movimento civico NOI - I Valori
Il Movimento civico NOI – I Valori

– i Docenti mai coinvolti in nessuna decisione;
– il personale ATA;
– gli alunni e le loro famiglie.

Previous articleSanità: Longo rimuove i due commissari Bettelini e Panizzoli. Nostri sforzi premiati
Next article2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza
Fabio Gallo
Classe 60, esperto di gestione della conoscenza e media digitali. Ha fondato la Città della Pace. Cura i Rapporti Istituzionali della Fondazione Culturale "Paolo di Tarso". Esperto dell'ITS IOTA Istituto di Alta Formazione per il Turismo e l'Ospitalità allargata della Puglia. Fondatore del Digital Cultural Heritage Museum dedicato al Patrimonio culturale italiano in chiave visuale. Fondatore e Direttore Editoriale delle Testate Giornalistiche del Gruppo ComunicareITALIA. Portavoce del Movimento Sturziano NOI. Dispone di elevate competenze tecniche multidisciplinari, pensiero organizzativo ed innovativo, coniugato a forte pragmatismo logico, a spiccate doti comunicative, alla gestione di progetti e compiti complessi, con elevata capacità d’analisi e di ascolto. Forte propensione al lavoro in gruppo, in cui nel ruolo di teamleader presta attenzione allo stato motivazionale ed alla sua compattezza. Visita il Blog: www.fabiogallo.info