Corpo Sanitario dell'Esercito Italiano
Corpo Sanitario dell’Esercito Italiano

a cura della Redazione del Movimento NOI/

In data 13 giugno 2019 il Consigliere Regionale Carlo Guccione, voce solitaria che da oltre un anno ribadisce l’emergenza sanitaria regionale, ha evidenziato con una dettagliata nota stampa che si allega, la situazione che i cittadini del territorio vivranno nel corso dell’estate, per quello che si configura una possibile grave emergenza estiva, dovuta anche alla carenza di personale medico che sarà giustamente a riposo.

Il Movimento NOI, nel condividere il contenuto del comunicato con il quale il consigliere Guccione prospetta l’opportunità di un possibile “ospedale da campo”, evidentemente anche in senso provocatorio, ma opportuno, riflette sulla opportunità di affidare al Corpo Sanitario dell’Esercito Italiano l’affiancamento reale al Sistema Sanitario Regionale e in maniera particolare del territorio della Provincia di Cosenza, in maniera permanente, fino a quando la grande crisi non troverà una soluzione accettabile. Il Movimento NOI crede che il sostegno dell’Esercito possa essere di stimolo per richiamare la politica locale ad un modello efficace, ordinato e sempre affidabile. Ciò, a sostegno di tanti medi e infermieri che si sforzano di fare il loro lavoro in condizioni ormai inaccettabili.

Segue Nota Stampa del Consigliere Regionale Carlo Guccione

In Calabria, soprattutto in provincia di Cosenza, si preannuncia un’estate torrida. E non ci riferiamo alle elevate temperature, ma all’emergenza sanitaria che sta per esplodere e che rischia di mettere in serio pericolo la salute dei cittadini. Forse sarà necessario – e lo diciamo con consapevolezza e responsabilità – chiedere ad Emergency di installare un vero e proprio ospedale da campo per sopperire alla carenza di posti letto, visto che ne mancano da attivare 354 rispetto a quelli previsti nei tre ospedali Spoke e Hub della provincia di Cosenza (Ospedale Annunziata: 144 posti letto; Ospedale Corigliano-Rossano: 62; Ospedale Castrovillari: 96; Ospedale Paola-Cetraro: 52). Non dimentichiamo che è anche per questa carenza di posti letto che la provincia di Cosenza registra il più alto tasso di emigrazione sanitaria verso le altre regioni. A tutto ciò si aggiunge, se non si troveranno immediati rimedi, la chiusura e/o l’accorpamento dei reparti, il blocco delle attività chirurgiche, la diminuzione delle prestazioni ospedaliere e territoriali anche perché bisognerà garantire in qualche modo i turni feriali di medici, infermieri e OSS.

Certamente il Decreto Calabria non è la giusta soluzione per risolvere la già precaria situazione sanitaria, ma vanno presi dei provvedimenti immediati per garantire il diritto alla salute dei calabresi e di coloro i quali verranno nella nostra regione a trascorrere le vacanze estive. Basta dare uno sguardo ai dati forniti lo scorso anno dall’Osservatorio sul turismo della Regione Calabria: solo sulla costa tirrenica, ad esempio, tra giugno e settembre ci sono state circa un milione e 250mila presenze.

La legge regionale 24/2008 (così come il Dca 81/2016) all’articolo 1 dispone che “la Regione Calabria garantisce la tutela della salute assicurando la disponibilità di prestazioni sanitarie e sociosanitarie improntate all’efficacia delle cure, alla sicurezza dei percorsi clinico assistenziali e al miglioramento continuo della qualità delle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private”. Ma se la situazione dovesse rimanere tale, quanto previsto dall’art 1 non potrebbe essere garantito, soprattutto nelle strutture pubbliche.

Senza ipocrisia e senza fare alcun gioco dello scaricabarile la Regione, l’ufficio del Commissario e il Governo nazionale, collaborino concretamente affinché venga scongiurato il rischio di un vero e proprio collasso del sistema sanitario calabrese. Ogni giorno sulla stampa locale vengono segnalati anomalie, rischi concreti per la salute dei cittadini, una diminuzione delle erogazioni delle prestazioni ospedaliere e sanitarie. E nel frattempo che la popolazione aumenta per le presenze turistiche, in provincia di Cosenza è come se avessero cancellato un intero ospedale, così come era stato invece previsto al decreto commissariale 64/2016 “Riorganizzazione della rete ospedaliera e della rete Urgenza-Emergenza”. È arrivato il momento che ognuno si assuma le proprie responsabilità, ognuno in base alle proprie competenze: non possiamo lasciare operatori medici e sanitari in trincea e non garantire i Livelli essenziali di assistenza.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here