corigliano rossano movimento noi
Corigliano Rossano Movimento Cattolico NOI

“Siamo molto soddisfatti per l’esito dell’incontro avvenuto il 15 Maggio a Corigliano-Rossano sul tema della politica sociale. Un argomento al quale il Movimento NOI dedica la massima attenzione”.

Lo ha dichiarato l’Avv. Alfonso Rago, referente della Rete CO.RO del Movimento sturziano NOI. 

alfonso rago - movomento noi - corigliano rossano
L’Avvocato Alfonso Rago – Referente Movimento NOI “Corigliano – Rossano” (CO.RO)

ALFONSO RAGO: PER “NOI” E’ CENTRALE LA POLITICA SOCIALE
“Da molti anni i cittadini attendono una politica sociale più equa e più giusta e in tal senso siamo chiamati alla massima responsabilità. Negli ultimi 20 anni – commenta Alfonso Rago – la popolazione giovanile ha avuto un importante decremento, le nascite sono diminuite e ad ogni 100 giovani corrispondono in media 168 anziani. Ciò vuol dire che la popolazione sta invecchiando e che bisogna sviluppare una politica che pensi a questa realtà, che trovi anche i fondi necessari per aiutare e sopperire a questa grave crisi.

L’Istat, ci dice che il nostro paese è il secondo paese al mondo più vecchio dopo il Giappone

Altra nota dolente è la mancanza di occupazione giovanile che possa anche garantire e poter pagare le pensioni ad una popolazione sempre più anziana.

Il Commissario prefettizio Domenico Bagnato ha voluto parlare con tutti i sindaci e le forze politiche della zona dell’alto ionio per programmare e organizzare la gestione del sistema integrato dei servizi sociali e dell’integrazione socio-sanitaria locale.

E’ la prima riunione operativa che ha coinvolto oltre ai Sindaci degli 11 Comuni facenti parte dei due ambiti originari di Corigliano e Rossano anche amministratori e forze politiche presenti sul territorio.

Facente parte del terzo settore, i comuni presenti erano: Caloveto, Calopezzati, Cropalati, Crosia, Longobucco e Paludi (Ambito N.1); nonché quelli di San Cosmo Albanese, San Demetrio Corone, San Giorgio Albanese e Vaccarizzo Albanese (Ambito N°3).

A proposito dell’attuazione responsabile delle politiche sociali, l’Avv. Alfonso Rago cita Don Don Luigi Sturzo: “Servire, non servirsi”

“La Rete CO.RO del Movimento cattolico NOI – continua Alfonso Rago – è impegnata perché questo 2018 sia un anno di cambiamenti per il territorio dell’alto Ionio e perché l’attenzione sempre attiva e onesta rivolta alle politiche sociali, non sia la vasca della disperazione umana nella quale pescare voti, ma un luogo nel quale misurare le proprie capacità umane e politiche al servizio della comunità. Rende molto bene il senso del nostro impegno il “servire, non servirsi” di Don Luigi Sturzo cui il Movimento NOI fa riferimento.

In tal senso, auspichiamo una fervida collaborazione con il Prefetto Domenico Bagnato perché possa attivarsi una collaborazione fattiva nella direzione delle politiche del  welfare, come nelle politiche sociali. La cura di tali politiche risulta determinante per offrire l’opportunità alla Città nascente di Corigliano-Rossano, una radice che affondi nella giustizia sociale e dia i frutti che tutti speriamo per un migliore futuro radicato sul vivere civile del nostro territorio.

Ma il 2018 rappresenta anche l’anno dei cambiamenti per le politiche sociali della nostra Regione Calabria – conclude il referente della Rete CO.RO –  Dal 1° Gennaio 2018, infatti, si è data attuazione alla Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Tutto ciò significa per gli enti locali, riuniti in Distretti Socio-Assistenziali, che hanno delega delle competenze in materia sociale. È un momento di grande responsabilità poiché dalla costruzione del PIANO DI ZONA e dalla capacità di attuazione del welfare territoriale, dipende il futuro dei soggetti vulnerabili, trattandosi di strumenti di rilevazione del fabbisogno territoriale e di programmazione del rilevato bisogno”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here